venerdì 18 aprile 2014

Masterplan di SEA: l'amministrazione comunale non ha cambiato parere, le accuse di "Viva Via Gaggio" sono infondate


Le accuse di "Viva Via Gaggio" nei confronti dell’amministrazione comunale ed in particolare modo verso l’assessore Danilo Rivolta, in merito all’astensione del comune di Lonate Pozzolo al documento formulato dal Parco del Ticino sul Masterplane di SEA, sono infondate e strumentali. Esprimere giudizi, oltretutto a mezzo stampa e senza chiedere spiegazioni ai diretti interessati, dimostra la evidente stumentalizzazione della vicenda con finalità poco consone ad un comitato che si definisce apolitico. La posizione dell’amministrazione comunale nei confronti del masterplan di SEA è sempre stata chiara e precisa, dimostrata dai fatti, e non è certo cambiata nel tempo. Dispiace constatare che, ancora una volta, "Viva Via Gaggio"dimostra un atteggiamento poco collaborativo nei confronti di un’amministrazione che non ha mai mancato nel sostenere il comitato. Il fatto che ciò si manifesti in prossimità delle elezioni comunali di Maggio, lascia spazio ad una interpretazione in merito alla reale finalità del comitato.

Antonio Patera 
UDC Lonate Pozzolo

6 commenti:

  1. Comunicazione di servizio. IL commento pubblicato a questo post è stato erroneamente cancellato. Ci scusiamo e invitiamo la persona interessata a reinviare il commento, il quale sarà prontamente pubblicato.
    L'amministratore del Blog.Grazie

    RispondiElimina
  2. Buongiorno,
    sono Chiara Basso, cittadina di Lonate Pozzolo e socia di Viva Via Gaggio.
    Innanzitutto mi permetto di postare qui il link del nostro intero post :
    http://goo.gl/2tYx5e
    Quello che scriviamo nel nostro blog è sempre diretto ad informare, sensibilizzare e sollecitare riflessioni riguardo alla realtà che ci circonda, sempre in funzione della finalità dell'Associazione: salvaguardare la zona a sud dell'Aeroporto di Malpensa minacciata dal progetto della Terza Pista.

    Bene, dopo queste dovute premesse e tralasciando volutamente le polemiche e le viziate constatazioni che leggo in questo vostro post, mi preme evidenziare solamente che non è colpa nostra se l'attuale assessore al territorio, presente in rappresentanza del Comune di Lonate all'Assemblea del Parco del Ticino, coincide con il candidato Sindaco alle prossime elezioni di maggio. Fosse stata un'altra persona, semplicemente si sarebbe fatto il nome di quest'altra persona. Non si può invece tacere, o astenersi nel chiedere conto di un comportamento che ci ha lasciati sinceramente attoniti: " SE IL COMUNE DI LONATE POZZOLO E' CONVINTO DI QUANTO APPROVATO IN TUTTI QUESTI ANNI, PERCHE' ALL'IMPROVVISO QUESTA ASTENSIONE?"

    Il nostro unico scopo è quello di salvaguardare il territorio, invece di scandalizzarsi per le nostre dichiarazioni sarebbe bastato spiegare chiaramente il motivo di questa astensione. Che tra l'altro non abbiamo ancora compreso.

    Come credo tutti i cittadini lonatesi, mi aspetto di ricevere dei chiarimenti a proposito.

    Grazie per l'attenzione, saluti.
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Chiara,
      Le voglio ricordare che chi amministra una comunità ha l'obbligo di difendere gli interessi dei cittadini sempre e ovunque, questo per essere chiari sul fatto che non è solo Viva Via Gaggio che difende il territorio dal Masterpan. La posizione dell'amministrazione comunale non è cambiata ed è sempre stata chiara e limpida, e l'astensione su un documento formulato dal parco non può essere preso a pretesto per azzerare quanto fatto fino ad ora, non crede che sarebbe stato meglio e logico chiedere prima spiegazione a chi rappresentava l'amministrazione comunale in assemblea o eventualmente ad altri amministratori ? Invece si è preferita la via della polemica via web. Mi scusi ma il detto " pensar male"...vale per tutti. Come non credo sia obbligo dell'amministrazione comunale rendere conto al comitato " con tutto rispetto per chi ne fa parte" delle decisioni dell'amministrazione comunale, ma sicuramente a fronte di una richiesta di spiegazioni sono certo che nessuno si sarebbe rifiutato. In fine, Le ricordo, a meno che la cosa non è voluta, che scrivere parti in maiuscolo significa urlare, e non mi sembra il caso. Buona giornata. Antonio Patera

      Elimina
  3. Grazie Antonio.
    Mi/ci potrebbe quindi spiegare i motivi dell'astensione, per piacere?

    Grazie ancora e buona giornata.

    Corinna Sperotto

    RispondiElimina
  4. Buongiorno,
    chiarisco subito che non era mia intenzione urlare alcunché, ho usato il maiuscolo solo per mettere in evidenza nella mia risposta il fulcro del discorso,mi spiace essere stata fraintesa.

    Assicuro poi che nessuno vuole prendersi l’esclusiva nella difesa del territorio, anzi si è sempre auspicata una sinergia, una collaborazione che si è potuta infatti realizzare con altri comitati che via via sono nati con lo stesso scopo, con associazioni ambientaliste locali, regionali e nazionali, con il Parco del Ticino, con diverse amministrazioni comunali. Mi lasci esprimere il mio sincero rammarico nell’aver avvertito più coinvolgimento e partecipazione da parte di altri comuni rispetto al mio,e glielo dico senza alcun pregiudizio o condizionamento. In ogni caso comunque nessuno intende azzerare quanto fatto fin ora, ci si è solo naturalmente chiesti quale motivo ci può essere dietro ad un’astensione così incomprensibile, proprio nel momento in cui si dovrebbe essere più uniti.

    L’ho già scritto ma lo ripeto, il nostro blog è il mezzo che abbiamo per informare, sensibilizzare, far riflettere. Riportiamo fatti, esprimiamo le nostre considerazioni, ci facciamo delle domande.
    Non è a Viva Via Gaggio che occorre rendere conto delle Vostre decisioni, ma a tutti i cittadini.
    Cordiali saluti,
    Chiara Basso

    RispondiElimina
  5. Mi spiace, ma non sono d'accordo sul fatto che questa amministrazione ha mancato rispetto ad altre, si poteva fare di più ? forse sì, ma le assicuro che è sempre stato fatto tutto il possibile per difendere il territorio dallo scempio del Masterplan. Poi c'è un aspetto non trascurabile per noi, il quale può non essere preso in considerazione da altre amministrazioni vicine e che non hanno le problematiche di chi ha l'Aeroporto "in casa propria", sono i rapporti politici con i vertici di SEA, e su questo aspetto gradirei non essere frainteso ma la invito a cogliere il vero significato della frase, nel senso che chi amministra spesso si trova a dover essere "diplomatico" nei modi e nei contenuti per raggiungere l'obiettivo. Per quanto riguarda l'informazione attraverso il blog, ottimo strumento d'informazione, ma ritengo sia un obbligo soprattutto morale scrivere sempre la verità e senza pregiudizi, magari informandosi prima e scrivere dopo. Chiara, la saluto, e viste le sue considerazioni sull'amministrazione comunale attuale, può sempre sperare che quella che uscirà dalle urne del 25 Maggio sia più partecipativa e più corrispondente alle Vostre aspettative. Cordiali Saluti.
    Antonio Patera

    RispondiElimina